Vestirsi a strati

 

Come ormai molti sanno l'abbigliamento sportivo più funzionale è composto da una serie di strati; abbastanza leggeri e facili da mettere e togliere per far fronte alle varie situazioni anche molto differenti tra di loro; l'isolamento dei tessuti, a parità di peso è maggiore se gli strati sono numerosi e leggeri piuttosto che pochi e pesanti, inoltre è più facile evitare l'eccessiva sudorazione e scegliere gli strati in base al tipo di protezione che serve al momento, se dal vento o dalla bassa temperatura.


Il primo strato serve a stare asciutti anche quando si suda molto. È importante scegliere capi intimi funzionali che rimuovano l'umidità trasportandola all'esterno.

Per star bene in ogni attività, il corpo deve mantenere la giusta temperatura: né troppo caldo, né troppo freddo. Uno o più strati termici intermedi sono la soluzione.

Vento, pioggia, neve: lo sportivo si difende con uno strato esterno più protettivo o più traspirante a seconda delle condizioni e del tipo di attività.

Il primo strato deve quindi favorire l'evaporazione dell'umidità emanata dal corpo; molto differente sarebbe il comportamento del cotone che invece tratterrebbe l'umidità provocando la ben nota sensazione di freddo e di umido. La ricerca delle principali aziende ha messo a punto tessuti sempre più performanti e si tende ora a lavorare oltre che sui filati anche sulla struttura dei tessuti (vedi ad esempio il cubic della Odlo).
Esistono pesi differenti da utilizzare a seconda della stagione e della sensibilità personale.
La famiglia degli strati intermedi è la più varia. Andiamo dal piumino al pile, al windstopper fino alle softshell, che data la loro capacità di proteggere dal vento ed alla loro idrorepellenza possono addirittura essere usate come terzo strato. Anche per quanto riguarda lo strato intermedio il peso può variare di parecchio. È preferibile comunque a parità di valore termico indossare due o tre strati anziché uno, per i motivi appena visti.
E per finire il terzo strato (guscio) che ha la funzione di proteggere dalla pioggia, dalla neve e dal vento. Il softshell più impermeabile combina il secondo e il terzo strato.



 

RONCO ALPINISMO s.n.c. - Corso Monte Grappa, 31 - Torino - e-mail info@roncoalpinismo.it

HOME PAGE

AKU - ALPINA - ALTRA - ARC'TERYX - ATK - BLACK CROWS - BLACK DIAMOND - BOLLE' - BUFF - CAMELBAK -CAMP - CASSIN - CÉBÉ - CRAZY DEUTER- DPS - FIVE-TEN - GRIVEL - HIDRAPACK - JETBOIL - KARPOS - KEEN - K2 - LA SPORTIVA - LEKI - LOWA - LOWE - MAMMUT - MEINDL - MERRELL - METOLIUS - MOUNTAIN EQUIPMENT - ODLO - OSPREY - PEAK PERFORMANCE - PETZL - POC - RAIDLIGHT - REUSCH - REWOOLUTION - SALICE - SALOMON - SAUCONY SCARPA - SEA TO SUMMIT - SKITRAB - SUUNTO - TEVA - THORLO - TOKO - TSL -TUBBS - VAPUR - X-BIONIC - X-SOCKS


TOKO ODLO MEINDL LEKI CAMP DEUTER MERRELL INOOK DALE OF NORWAY BLACK DIAMOND LOWA MAMMUT SUUNTO AKU JULBO THORLO LA SPORTIVA CE'BE' BUFF TUBBS K2 GRIVEL MILLET E9 KEEN PEAK PERFORMANCE X-BIONIC ALPINA SCARPA BOLLE' MARMOT
© 2002-2015 Ronco Alpinismo